Due nuove aziende iscritte nel registro De.C.O., la Denominazione Comunale di Origine.

...

Acquistano il marchio santenese i prodotti delle Nuove Distillerie Vincenzi srl e della pizzeria “Lo Spuntino”

SANTENA – Altri due aziende sono stati iscritte nel registro De.C.O., la Denominazione Comunale di Origine. Dopo aver esaminato le richieste pervenute al Comune di Santena nel mese di novembre, la Giunta Comunale ha approvato all'unanimità l'ingresso nel registro Deco dei Liquori Bicerin Originale di gianduiotto, Bicerin originale White, Bicerin originale Dark, Vermouth di Torino bianco Camillo e Vermouth di Torino rosso Camillo e dello Spanotto Cavour. 

«Come Amministrazione siamo orgogliosi – interviene Rosella Fogliato, Assessore alle Politiche di Sviluppo Economico e Commercio – di dare il benvenuto ad altre due aziende nel registro De.C.O. Attraverso il De.C.O., che riguarda sia prodotti di ditte industriali e artigianali e di imprese famigliari, si punta a valorizzare le risorse e a salvaguardare i prodotti locali».

I liquori sono prodotti dalle Nuove Distillerie Vincenzi srl con sede legale a Moncalieri in via San Martino 4. Per l'azienda produttrice sarà obbligo indicare sull'etichetta delle bottiglie dei liquori che l'invecchiamento si realizza a Santena, in via Alberassa 75. Lo Spanotto Cavour, invece, è prodotto dal signor Catello Parlato, titolare della pizzeria “Lo Spuntino” di via Sambuy 17 a Santena. Si tratta di una pizza al tegamino ripiegata in due e farcita con vari gusti. Per la commercializzazione del prodotto, “Lo Spuntino” dovrà utilizzare contenitori idonei a salvaguardare il decoro del marchio. E' preferibile l'impiego di contenitori, scatole e vaschette invece che sacchetti e buste. Ai due nuovi prodotti inseriti nel registro De.C.O. sono stati assegnati rispettivamente i numeri 10 e 11. 

«In questo modo – prosegue l'Assessore - viene inoltre data visibilità al lavoro dei produttori presenti sul territorio comunale e ai loro prodotti. Si garantisce anche al consumatore l'attestazione di origine, la genuinità, la composizione e le modalità di preparazione dei prodotti che vengono codificati nel rispetto degli usi, delle consuetudini e delle tradizioni locali. Seppur piccolo il riconoscimento deco è un passo a favore delle attività produttive e commerciali, oltre che di promozione del territorio e delle sue peculiarità che è l'obiettivo principale».