Covid-19, fase 2

...

3 MAGGIO 2020: Le raccomandazioni del Sindaco Baldi a Santena

Via libera alla Fase 2. Da lunedì 4 maggio rallentano le restrizioni per il Covid-19 in conseguenza delle disposizioni contenute del DPCM del 26 aprile e dei Decreti Regionali del 30 aprile e del 2 maggio. L’Amministrazione comunale ha definito le prime aree di intervento su Santena.

Riapertura dell’area golenale e del parco Cavour (restano tuttavia interdette le aree attrezzate con giochi ed i parchi gioco): «Resta vietata ogni forma di assembramento - spiega il Sindaco Ugo Baldi – L’attività motoria è consentita individualmente, anche distanti da casa, ma è necessario mantenere sempre le distanze di sicurezza di almeno un metro che diventano due in caso di sport all’aria aperta».

Da lunedì riapre anche il Cimitero, anche in questo caso sono vietati gli assembramenti e vige l’obbligo di mantenere le distanze di sicurezza.

Vengono anche riaperte le aree cani, ma al fine di evitare la diffusione del virus, sarà consentito l’accesso ad un solo detentore di cani alla volta.

In tutte le situazioni qualora si incontrino altre persone a distanza ravvicinata e ci si debba soffermare è necessario  l’utilizzo di apposita mascherina per la protezione delle vie respiratorie.

La mascherina è altresì obbligatoria sui mezzi pubblici. Non è invece obbligatorio l’utilizzo della mascherina per i bambini sotto i 6 anni.

Riprendono anche le attività di ristorazione, ma solo per il servizio a domicilio ed asporto: «In questo caso le regole sono più serrate - precisa Baldi - Intanto dovrà essere rispettata la distanza di sicurezza di almeno due metri  tra le persone sia in coda all’ingresso che dentro l’esercizio. La distribuzione potrà avvenire dalle ore 6 del mattino sino alle 21, con prenotazione da remoto. Si potrà accedere solo scaglionati e sempre con la mascherina. In nessun caso sarà possibile la consumazione di prodotti all’interno dei locali o nelle sue immediate vicinanze».

Ogni esercizio dovrà mettere a disposizione della clientela soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani e nei locali fino a quaranta metri quadrati, potrà accedere una sola persona alla volta, oltre a un massimo di due operatori.

«Per avviare il servizio di asporto le attività dovranno compilare un modulo di richiesta al Comune- precisa il sindaco- È possibile scaricarlo sul sito del Comune e inviarlo via email. In ogni caso potrà accedere un solo componente per nucleo famigliare.»

Sarà inoltre consentito, all’interno della Regione Piemonte, lo spostamento individuale verso le seconde case per eventuali attività di manutenzione, con obbligo di rientro in giornata.

Nella fase 2 sono consentiti anche gli spostamenti per incontrare i propri congiunti, che devono considerarsi tra gli spostamenti giustificati per necessità. E' comunque fortemente raccomandato limitare al massimo gli incontri con persone non conviventi, poiché questo aumenta il rischio di contagio.

Il Sindaco Baldi precisa ancora: «Non è ancora stato completamente chiarito dalla Regione, entro quali ambiti territoriali, al di fuori del proprio Comune, ci si possa spingere per fare la spesa e se rimane obbligatoria la autocertificazione - che, fino a successivi chiarimenti, si consiglia di utilizzare sempre»

Si può ritenere pertanto siano consentiti gli spostamenti anche fuori dal Comune di residenza per ragioni di necessità, come del resto è previsto per la visita ai congiunti. Questa è l'interpretazione che viene data dal Comando di Polizia Municipale e dal Comune di Santena, in quanto, finora, non sono state fornite indicazioni specifiche.

«Relativamente all'autocertificazione - prosegue il sindaco - da quanto appreso dagli organi di informazione e dall'interpretazione delle comunicazioni del Governo, permane per il momento l'obbligo, ad eccezione che per gli spostamenti per ragioni di lavoro, che possono essere giustificati anche esibendo giustificativi forniti dal datore di lavoro (es. tesserini, badge o simili)».

Per concludere: «Si avvia una nuova fase dell’emergenza - marca Baldi -  Non si deve assolutamente “abbassare la guardia” e non significa “liberi tutti”. Vi raccomando, quindi, la massima prudenza ed il massimo rispetto delle nuove regole».