Estate Ragazzi

...

1 GIUGNO 2020: Il Comune al lavoro per ripartire con i centri estivi

 «Stiamo lavorando per far partire i centri estivi ed Estate Ragazzi». Lo annuncia Francesco Maggio, Assessore alle Politiche Educative del Comune di Santena. Proprio in queste ore l'Amministrazione sta definendo l'organizzazione dei centri estivi per offrire ai bambini ed ai ragazzi una possibilità di socialità dopo la difficile quarantena causata dalla pandemia Covid-19. Un'iniziativa che si pone tra l'altro l'obiettivo di aiutare le famiglie santenesi durante la ripresa delle attività economiche. «Non è stato ancora possibile stabilire in modo certo la data d'inizio delle attività estive – interviene l'Assessore Maggio – ma, a breve, contiamo di essere in grado di approvare la Delibera e di far partire subito le iscrizioni. Quest'anno più che mai l'Estate Ragazzi si pone come un servizio di importanza sociale, visto che per fortuna in questo momento le persone sono tornate a lavorare e le attività commerciali stanno ricominciando a riaprire». Le Estate Ragazzi ed i centri estivi dovranno comunque svolgersi seguendo scrupolosamente le linee guida dettate dal Governo e dalla Regione Piemonte: «Ogni giorno ci confrontiamo – aggiunge l'Assessore alle Politiche Educative - e lavoriamo a stretto contatto con la scuola San Giuseppe e la Cooperativa Cittattiva per offrire il prima possibile un servizio prolungato e continuativo e di alta qualità. Le attività estive si svolgeranno nel pieno rispetto delle norme sanitarie per garantire a bambini e ragazzi la massima sicurezza in un periodo particolarmente delicato. Il servizio estivo garantirà una copertura sufficiente per le esigenze di tutte le famiglie». L'Amministrazione comunale cercherà per quanto possibile  di prevedere anche delle agevolazioni economiche, per non gravare ulteriormente sui bilanci dei nuclei famigliari piùin difficoltà: «Il nostro obiettivo principale – conclude Francesco Maggio – è quello di mantenere il prezzo bloccato rispetto allo scorso anno. Inoltre, per venire maggiormente incontro alle famiglie introdurremo per la prima volta una tariffa agevolata per il secondo figlio e per i figli successivi».