Santena, le nuove pensiline già imbrattate dai vandali

A Santena sono in fase di realizzazione e installazione otto nuove pensiline che a breve abbelliranno tutte le fermate delle linee dei bus 45 e 45 sbarrato. Quelle già installate però sono già state imbrattate dai vandali

Data:
23 Giugno 2021
Immagine non trovata

SANTENA, 19 giugno 2021 – Aspettando il bus facendo un tuffo nell'arte e nella cultura è possibile a Santena. Sono infatti in fase di realizzazione e di installazione otto nuove pensiline che a breve abbelliranno tutte le fermate delle linee 45 e 45 sbarrato. «Peccato che prima ancora che i lavori di installazione finissero qualche vandalo ha deciso di imbrattarle con  “graffiti” per nulla di pregio ma solo sprezzanti del lavoro altrui - commenta l’assessore alla Cultura Paolo Romano - Mi spiace usare appellativi, non è nel mio stile, ma ormai è stata superata ogni soglia di sopportazione e questa volta sceglieremo la via dura, perché sembra che gli ammonimenti non bastino».

La finalità del progetto promosso dall'Amministrazione Comunale è quello di migliorare gli stalli dei bus dal punto di vista estetico ed allo stesso tempo di raccontare la storia di Camillo Benso Conte di Cavour, uno tra i maggiori artefici dell'Unità d'Italia, le informazioni turistiche e i principali eventi che ogni anno animano la città.

«Questi atti di vandalismo sono un affronto alla nostra Città e al significato stesso del lavoro che è stato fatto per abbellirla e renderla un luogo piacevole in cui vivere - sottolinea il Sindaco Ugo Baldi - Siamo basiti dalla maleducazione di coloro che con questi atti ledono non solo la comunità ma in primis se stessi. Azioni che non possono passare inosservate e meritano di essere perseguite legalmente e multati gli autori».


In pochi giorni gli atti di vandalismo e di maleducazione sono stati diversi: «Oltre alle pensiline abbiamo trovato imbrattate da pennarelli indelebili, e  contornati da rifiuti, anche i divanetti di piazza Martiri. In prima battuta abbiamo persino valutato di togliere i divanetti ma ci è parso ingiusto verso tutti coloro che meritano da giovani ad anziani di avere uno spazio che renda gradevole e vivibile la piazza- riporta l’assessore al Commercio Rosella Fogliato- ora con la polizia Municipale stiamo ricontrollando le registrazioni delle telecamere per identificare i colpevoli, sanzionarli e se possibile proseguire in ulteriori provvedimenti».

Le pensiline danno continuità, insieme ai murales a tema risorgimentale e cavouriano, al progetto del museo diffuso a cielo aperto promosso dal Comune di Santena in collaborazione con la Fondazione Cavour e con l'Associazione Amici della Fondazione Cavour. In ciascuna pensilina è ritratto un fumetto del celebre statista realizzato dall'artista Francesco Colangelo, in arte Yatri.


«Sono già state installate la pensilina eventi in piazza Santi Cosma e Damiano (oggetto dell’atto vandalico), quella dedicata a Cavour e all'Europa in via Sambuy e quella dei luoghi cavouriani in via Trinità- spiega Romano - Siamo felici che la maggioranza parte dei cittadini abbia apprezzato l’iniziativa con commenti positive sulle pagine social del Comune e siamo certi che saranno i primi a indignarsi per questo scempio».


Prossimamente saranno installate anche le pensiline di Piazza Martiri della Libertà dedicata alla scuola, di via Asti che approfondirà il tema della viabilità e del crocevia di strade, di via Cavour che avrà come protagonista la vita dello statista. Il telegrafo, i trasporti ed i prodotti tipici saranno invece messi in risalto dalle due pensiline che saranno posizionate in piazza Carducci. «Le pensiline fanno parte di un ampio progetto – spiega il Sindaco Ugo Baldi – che punta a promuovere a diffondere il pensiero cavouriano ma anche gli eventi ed i prodotti tipici del territorio. L'obiettivo dell'Amministrazione è quello di rendere Santena sempre più accogliente per i cittadini ma anche per i visitatori che arrivano da fuori»

.
Conclude Ugo Trimboli consigliere di maggioranza con deleghe al decoro urbano e rifiuti: «Il Comune di Santena, spende oltre 40.000 euro ogni anno per la raccolta dei rifiuti che vengono abbandonati incivilmente lungo le strade, nei campi, negli spazi dell’Area Golenale, lungo le sponde dei corsi d’acqua e nei fossati, intasando i cestini per il pubblico. Ogni anno tocchiamo i 200.000 euro per lo svuotamento dei cestini, la pulizia delle piazze e delle strade, compresi la pulizia delle pensiline imbrattate. Spesso la “produzione” è così elevata che non si riesce a far fronte alla pulizia in tempi rapidi a discapito del decoro urbano e dell’immagine della città - termina Trimboli- Tutto questo accade nonostante il controllo ed il monitoraggio costante delle forze dell’ordine. Sebbene gli sforzi, sembra che l’inciviltà non abbia tregua e saremo quindi costretti ad investire sempre più fondi nella sorveglianza anziché spenderli per migliorare la nostra città, a discapito di tutti i cittadini».

 

Ultimo aggiornamento

Mercoledi 23 Giugno 2021